Crea sito

Vintage e bambole



Per informazioni sul materiale potete scrivere un commento nel sito o nella pagina Facebook “Hobbies World Catania“.

Lista Vintage e Bambole:

  • Ken Sposo Mattel 2009;
  • Barbie Sissi 2002 Mattel;
  • Bambole vintage marca Furga , Ratti etc anni 60-70-80 tutte in ottime condizioni;
  • Walking Talking Toby Robot anni 80 funzionante;
  • Philips Savvy Vogue primissimi anni 2000;
  • Mini computer Dotto conta parla vintage Clementi Texas Instruments anni 80;
  • Più di cento Saponette e Gadget Hotel/Alberghi da collezione (italiani e stranieri/esteri) anni 80-90;
  • Antica coperta/Copriletto originale del 1800 dipinta a mano/con pittura fatta a mano;
  • Fiammiferini ottime condizioni anni 80-90;
  • Phonola Model nw3600 Radio Stereo Player Cassette anni 90;
  • Leone giocattolo anni 90 si muove ed emette luci e suoni;
  • Monete 50-100-200-500-1000 Lire;
  • Banconote 500-1000 Lire.
  • Shell Volistoria – Medagliere completo 20 medaglie 1969.
  • Accendino Congress Berna anni 60.
  • Accendino a Benzina fotocamera KKW 1952.

Curiosità: La storia della bambola italiana è assai più recente di quanto si possa immaginare, poiché soltanto nei primi anni del Novecento cominciarono a nascere in Italia delle piccole industrie che si dedicavano a questo settore, per lo più a conduzione familiare; prima di allora, purtroppo, non esisteva nessuna tradizione, se non a livello locale.

La mancanza di documenti storici, molti dei quali andati distrutti durante i due conflitti mondiali di cui l’Italia è stata protagonista, rende ancora più difficile tracciarne la storia; ma le cause di questa mancanza trovano radici tra motivazioni storiche, culturali e politiche. Fin dall’antichità, la bambola veniva costruita con materiali poveri, ma la cura dei particolari era talmente evidente da indicare comunque la sua importanza.

Le bambole erano realizzate per motivi di svago e di divertimento, ma anche per rituali magici e cerimonie inerenti a qualche credenza. Nella Roma imperiale la bambola, chiamata a quei tempi “pupa”, era molto diffusa anche tra la plebe. Ogni bambina possedeva una bambola da cui si separava solo alla vigilia delle nozze, tramite una cerimonia dove lasciava la sua “pupa” nei templi dedicati ai Lari, divinità che proteggevano la famiglia e il focolare della casa.